This site uses cookies to provide a better experience. Continuing navigation accept the use of cookies by us OK

Informazioni di sicurezza

 

Informazioni di sicurezza

In considerazione della gravità della situazione generale di sicurezza, acuita dall'annunciato ritiro delle truppe internazionali dal Paese entro l'11 settembre 2021 e dalla possibilità di un ulteriore deterioramento delle condizioni di sicurezza a partire dal 1 maggio 2021, si sconsigliano viaggi a qualsiasi titolo in Afghanistan.

Ai connazionali comunque presenti in Afghanistan, si raccomanda di valutare attentamente la possibilità di avvalersi dei mezzi commerciali tuttora disponibili per tornare in Italia.

Negli ultimi mesi, in particolare, le condizioni di sicurezza hanno subito un sensibile deterioramento in tutto il Paese, incluse le principali città (Kabul, Herat, Mazar-e-Sharif, Jalalabad, Kandahar, Kunduz). Restano critiche le aree meridionali e sud-orientali ed è peggiorata la situazione anche nel nord e nell’ovest del Paese.

E’ assai elevato il rischio di attentati nelle principali città, incluse la capitale ed Herat, e nelle altre zone del Paese, ai danni di obiettivi istituzionali o di strutture frequentate da stranieri (guest house, alberghi, ristoranti, uffici, abitazioni, veicoli, mercati, etc.). 

Un aggravamento delle condizioni di sicurezza si prospetta in conseguenza dell'annunciato ritiro delle truppe internazionali dal Paese entro l'11 settembre 2021 e della possibilità di un ulteriore deterioramento delle condizioni di sicurezza a partire dal 1 maggio 2021. Restano fonte di preoccupazione per la sicurezza altri eventi particolari, a Kabul come nelle altre città, quali celebrazioni di festività religiose, manifestazioni, ricorrenze, eventi pubblici.

E' alto il rischio di attentati tramite IED (Improvised Explosive Device) posti lungo il ciglio delle strade, portati indosso da attentatori suicidi o caricati su automobili o altri mezzi motorizzati. I luoghi frequentati da personale internazionale a Kabul e i principali edifici governativi rappresentano obbiettivi privilegiati per attacchi c.d. "complessi" che prevedono l'esplosione di una autobomba o attentatore suicida seguite dall' irruzione di un commando armato. L'elevato numero di mine presenti nel Paese rendono estremamente pericolosi gli spostamenti al di fuori delle principali vie di comunicazione presenti all'interno delle aree urbane.

Gli scontri con l'insorgenza talebana sono aumentati in numero, intensità e distribuzione geografica. Sono più frequenti gli attentati contro convogli e strutture militari NATO ed ANDSF (forze di sicurezza nazionali afghane) e contro gli aeroporti. Si sono altresì verificati lanci di razzi sulle principali città, sul quartiere diplomatico nel centro di Kabul e contro basi militari internazionali.

Avvertenze di sicurezza

Si raccomanda ai connazionali di:
- registrare i dati del proprio viaggio su DOVESIAMONELMONDO;
- tenersi sempre aggiornati sulla situazione di sicurezza nel Paese, interpellando costantemente l’Ambasciata, soprattutto prima di effettuare spostamenti all’interno del Paese;
- attenersi scrupolosamente, per tutta la durata dell’eventuale viaggio, ai suggerimenti provenienti dalla stessa Ambasciata, pubblicati anche sul sito www.ambkabul.esteri.it;
- comunicare preventivamente all'Ambasciata l’arrivo in Afghanistan e tutti gli spostamenti nel Paese;
- segnalare tempestivamente all’Ambasciata fatti o persone sospetti;
- in caso di emergenza, prendere immediatamente contatto con l’Ambasciata, segnalando situazioni critiche o di pericolo e attenersi scrupolosamente ai consigli che saranno forniti su come comportarsi;
- ridurre allo stretto necessario i propri spostamenti ed effettuarli soltanto con mezzi, persone e modalità che assicurino i più alti livelli di sicurezza;
- osservare la massima cautela nei movimenti ritenuti necessari nel quadro dello svolgimento delle rispettive attività;
- utilizzare strade note, ben monitorate e considerate sicure;
- utilizzare autovetture blindate;
- ridurre il più possibile la frequentazione di locali pubblici disporre di documenti in corso di validità, cellulare carico e denaro sufficiente alle circostanze;
- inserire la sicura della portiera durante gli spostamenti in auto e tenere i finestrini chiusi;
- comunicare gli spostamenti a referenti di fiducia italiani;
- in caso di manifestazioni, ripararsi in luoghi sicuri, di agevole accesso e lontani dalla folla;
- indossare segni distintivi solo se garanzia di incolumità;
- osservare la massima prudenza a non attirare attenzione, mantenendo un basso profilo anche per il vestiario;
- rispettare, almeno in pubblico, le prescrizioni dei costumi islamici.
- prestare estrema attenzione in occasione delle feste e delle ricorrenze civili e religiose durante le quali si consiglia vivamente di evitare i movimenti non indispensabili;
- comunicare all'Ambasciata la data di partenza dal Paese.

Comportamenti da evitare
- spostarsi in zone isolate e comunque considerate a rischio;
- effettuare spostamenti fuori città;
- spostarsi con mezzi pubblici (taxi, bus, trasporti collettivi);
- spostarsi nelle ore notturne;
- effettuare spostamenti a piedi;
- viaggiare o sostare vicino a convogli militari;
- spostarsi lungo percorsi e ad orari abituali;
- comunicare programmi, spostamenti e appuntamenti in ambienti pubblici o con mezzi di comunicazione poco riservati;
- frequentare luoghi pubblici affollati come mercati, stazioni di autobus e locali abitualmente frequentati da cittadini stranieri che potrebbero essere scelti come obiettivi;
- frequentare locali in cui si svolgono attività considerate contrarie alla legge o ai costumi islamici (vendita o consumo di alcolici, gioco d'azzardo, prostituzione, ecc.);
- tenere in pubblico comportamenti contrari alla religione islamica (consumo di alcolici, abbigliamento discinto, atteggiamenti suscettibili di urtare la sensibilità locale, ecc.);
- recarsi nelle zone piu’ impervie e meno accessibili del Paese in ragione dei rischi collegati ai possibili disastri naturali ed ai frequenti fenomeni meteorologici estremi, particolarmente frequenti ed imprevedibili durante la stagione invernale, e della concomitante difficoltà a raggiungere tali zone per prestare gli eventuali soccorsi.

Comportamenti da seguire per la scelta di un’abitazione/ufficio:
- posizionare pellicole anti esplosione su tutti i vetri dell'abitazione;
- comunicare l'indirizzo della propria abitazione e dell'ufficio all'Ambasciata;
- soggiornare in alberghi, guest houses o abitazioni dotate delle necessarie misure di sicurezza;
- reclutare personale fidato verificando presso le locali Autorità, la validità del dossier fornito della persona;
- fare attenzione ad auto sospette o a persone estranee al quartiere, che sostino sia in prossimità dell’abitazione sia dell'ufficio;
- preferire un’abitazione in zona referenziata piuttosto che una casa isolata;
- individuare una camera "solida", con mura portanti, in cui ripararsi in caso di esplosione;
- evitare i piani bassi;
- scegliere possibilmente alloggi con un'entrata principale ed una via di fuga posteriore/laterale;
- verificare con i vicini di casa eventuali presenze "anomale" o di mezzi nel circondario;
- dotarsi di concertine o altre precauzioni anti intrusione;
- istruire il proprio personale (domestici, autisti, guardiani, giardinieri) circa le possibili minacce o rischi a cui prestare attenzione, quali: controllare gli estranei, segnalare pacchi e oggetti di cui non si conosce la provenienza;
- munirsi di un impianto di video sorveglianza o di guardie armate.

AVVERTENZA
Ai connazionali comunque presenti in Afghanistan, si raccomanda di valutare attentamente la possibilità di avvalersi dei mezzi commerciali tuttora disponibili per tornare in Italia. Ai viaggiatori - giornalisti inclusi - che, sotto la propria esclusiva responsabilità, decidessero, nonostante il contrario avviso della Farnesina, di recarsi in ogni caso in Afghanistan, si raccomanda di contattare, sia prima della partenza sia dopo l'arrivo nel Paese, l'Ambasciata d'Italia a Kabul, utilizzando i seguenti canali:

segnalando sempre preventivamente i mezzi di contatto (es. numeri di telefono locali ed italiani, e-mail, ecc.), la data di arrivo e partenza dal paese, il luogo di soggiorno ed ogni spostamento sul territorio e di attenersi scrupolosamente durante la permanenza alle norme di comportamento qui suggerite, nonché ad ogni altra indicazione fornita di volta in volta dall’Ambasciata. Registrare i dati del proprio soggiorno in Afghanistan anche sul sito internet www.dovesiamonelmondo.it

PER ULTERIORI INFORMAZIONI
Per approfondimenti ed ulteriori informazioni, visitare la pagina dedicata del portale “Viaggiare Sicuri”.

 

 (Aggiornato il 14.07.2021)


Location:

Kabul

Author:

Ambasciata d'Italia a Kabul

190